Photos

Photographer's Note

KRK
L'isola di Krk (Veglia) è la più grande tra le isole della Croazia (in competizione da anni con l'isola di Cres per il primato). Misura circa 405 kmq con 38 km di lunghezza ed una larghezza massima di 18 km, la costa misura circa 189km. L'isola è situata nelle vicinanze della città di Fiume (Rijeka) nel golfo del Quarnero. All'isola si può accedere via mare con l'imbarcazione che parte da Brestova (in Istria) ed arriva a Porozina (sull'isola di Cres) da li in auto fino a Merag dal cui porto in 30 minuti si arriva a Valbiska (isola di Krk).
Un'altra alternativa è il ponte di Krk (Krčki most) il ponte più grande croato. Il ponte in calcestruzzo fu inaugurato nel 1980 e fino al 2000 è stato attraversato da più di 1 milione di automezzi l'anno .
Il ponte è lungo 1430m è gli archi che lo sostengono partano dalla terra ferma si posano sull'isola di San Marco e proseguono verso l'isola di Krk.
Può capitare che venga chiuso a causa delle forti raffiche di bora non rare in questa zona. Nel 1987 si registra una raffica record che raggiunge i 220 km orari.
Con la costruzione del ponte la vita sull'isola è cambiata. Mentre in passato solo i villaggi facilmente raggiungibili con i vari traghetti a vapore erano considerati turistici adesso anche le località più lontane iniziano a prendere vita.
La prima che incontriamo dopo il ponte è Omišalj (anche la prima a ricevere nel 1925 energia elettrica), cittadina costruita su di un colle all'altezza di 85 metri. Nell'insenatura di Pesja si trova un grazioso porticciolo con una spiaggia di ciotoli. Purtroppo il paesaggio è rovinato dalla presenza dell'industria chimica e dall'oleodotto.
Proseguendo incontriamo Njivice ad una decina di chilometri dal ponte. Si è sviluppata soprattutto grazie al turismo e il primo albergo è stato costruito nel 1930. La spiaggia è piuttosto lunga e ben organizzata, facile da raggiungere è prevalentemente ciotolosa, con terrazzi e scoglie. Le case nel centro abitato solo relativamente nuove, soprattutto villette. E' presente anche una pineta che finisce nella parte della spiaggia riservata ai naturisti.
La Rajska cesta, la via del Paradiso, è un sentiero all'ombra degli alberi che procede lungo la costa fino a Malinska.
Malinska, è l'unica località a non avere un centro urbano. Situata in un insenatura boscosa era utilizzata soprattutto per pascoli e coltivazione.
Porat e Glavotok sono due localita molto tranquille sviluppate attorno ad un convento francescano.
Valbiska è da considerare un luogo di passaggio, con un distributore e un bistrot ti fà compagnia e ti ristora durante l'attesa del traghetto che parte ed arriva dall'isola di Cres.
La città di Krk protetta da San. Quirino è la più grande e ricca di storia. La città vecchia è stata costruita all'interno di mura medioevali mentre la città fuori dalle mura si è sviluppata nel secolo scorso. Sono quattro le porte che permettono l'accesso. Tra gli edifici da visitare ricordiamo il convento francescano, il Palazzo del Municipio con l'orologio che segna tutte e 24 le ore, il castello e il tribunale dei Frankopani, la cattedrale di Krk (si trova accanto al castello), la chiesa di San. Quirino edificata in pietra bianca estratta dalle cave isolane. Le spiagge hanno quasi sempre alle spalle una pineta, sono rocciose, cementate molto comode e l'acqua è stupenda. In alcune insenature sul fondo trovate sabbia e forse anche su qualche riva ma è comunque rara.
La località di Kornić è nota per due ragioni: una perchè nelle vicinanze c'è lo ski lift (sport molto popolare e divertente) e la seconda è perchè gli autori del sito vi trascorrono le loro ferie e il tempo libero.
Punat è situata nell'omonima baia protetta dai venti. Ha una marina particolarmente grande, sembra essere la più grande dell'Adriatico. Offre servizi di manutenzione, affitto ormeggio ed imbarcazione.
In questa località la produzione dell'olio d'oliva ha una lunga tradizione, da anni il vecchio ed unico oleificio lavora per gli isolani. L'olio dell'isola è utilizzato anche per i preparati cosmetici (viso e corpo). Lungo la riva, spiaggia e porto sono presenti numerosi bar, ristoranti, giochi per i bambini, imbarcazioni per le visite guidate e bancarelle di vario genere. Le spiagge sono ciotolose e a terrazze.
Di fronte alla marina di Punat, raggiungibile con il traghetto, si trova l'isolotto di Košljun.
Košljun ha una superficie di circa 68000 mq ed un perimetro di circa 1 km. Vi crescono, nonostante le ristrette dimensioni, più di 540 specie di piante e funghi. Vi sono tracce, provenienti dall'epoca romana, secondo cui sull'isolotto vi era la villa di un ricco cittadino. Su suoi ruderi i benedettini vi costruirono un convento. In seguito i principi Martin e ivan Frankopan portarono sull'isola i francescani ed investirono nella costruzione della chiesa dell'Annunciazione della Beata Vergine Maria con la richiesta di essere sepolti li.
Il contorsionista Gabriele D'Annunzio assieme ai suoi "arditi" guerrieri (ricordate cosa hanno combitato a Fiume) arrestano i frati ed aprono la cripta che conteneva i corpi alla ricerca del "tesoro" dei Frankopani.
Ora l'isolotto costudisce oltre al convento e alla chiesa anche un museo dove sono raccolti gli oggetti utilizzati nel passato dai pescatori e dai contadini e i costumi nazionali dell'isola di Krk. Durante l'estate si tengono concerti di musica classica.

Tratto da:
http://www.incroazia.net/

rigoletto, Tayon, vinicio, lestans trouve(nt) cette note utile

Photo Information
Viewed: 2027
Points: 16
Discussions
  • None
Additional Photos by andrea grigolo (grigand) Gold Star Critiquer/Gold Star Workshop Editor/Gold Note Writer [C: 957 W: 93 N: 1816] (20290)
View More Pictures
explore TREKEARTH