Photos

Photographer's Note

Marano Lagunare (Maràn in dialetto maranese e friulano) è un comune italiano di 2.007 abitanti della provincia di Udine in Friuli-Venezia Giulia

Storia

La nascita di Marano, e di conseguenza il nome, si ricollega alle origini di Aquileia. Aquileia fu fondata nell’anno 181 a.C. da una colonia di 300 soldati romani ai quali si sono aggiunte più tardi nel 169 d.C. circa 1.300 famiglie romane, mandate in questa zona per impedire le invasioni barbariche. Il nome Mariano durò a lungo, tanto che lo troviamo citato sia nel primo documento riguardante Marano, come in un documento del 1239. Con l’unità d’Italia infatti si rendeva necessaria una specificazione, per non confonderlo con altri Marano, che frattanto erano sorti in Italia. L’imperatore Ferdinando d’Austria, che mal sopportava la perdita della fortezza, fece munire un piccolo forte, chiamato Maranutto, onde poter con l’artiglieria abbattere i bastioni di Marano. Frattanto Pietro Strozzi inviava a Venezia un certo Giovanni dei Pazzi, con il compito di mercanteggiare la fortezza, facendo astutamente intendere di cedere in caso negativo la medesima ai turchi. Fu così che lo Strozzi riuscì ad avere la bella somma di 35.000 ducati dal Senato veneto, che riottenne definitivamente il possesso tanto agognato della fortezza di Marano. Ciò avvenne il 29 novembre 1543. Le avventure di Beltrame Sacchia, Pietro Strozzi e Guidobaldo di Urbino rivivono anche ai giorni d’oggi nelle vie che a questi personaggi sono dedicate. Dopo questi avvenimenti e fino alla caduta della Repubblica di Venezia (1797), Marano rimase sempre sotto il dominio veneto. Avvenimenti importanti riguardanti Marano, la storia non ne registra. Ciò fa supporre che Marano, governato con saggia politica dai veneziani, abbia potuto finalmente godere un lungo periodo di pace e di prosperità, quali nella sua storia, più che millenaria, mai aveva conosciuto.

Monumenti e luoghi d'interesse

A Marano troviamo ancora oggi tantissimi edifici dell'epoca della Serenissima, ed il più importante è la Loggia Maranese, una loggia chiusa con bugnato in pietra d'Istria, dove la comunità si riuniva. Un tempo sopra di essa sorgeva il Palazzo Comunale,sede delle principali decisioni, crollato nel Settecento per scarsa manutenzione. Accanto alla Loggia si osserva la cosiddetta Torre Millenaria, alta 32 metri, di cui si hanno le prime notizie nel 1066. È probabile che in principio fosse stata una torre d'avvistamento. Tutti i suoi lati sono ornati da busti di vari provveditori del paese. La Torre è stata gravemente danneggiata dal terremoto del 1976, e la parte superiore è stata ricostruita. Sulla stessa piazza si affaccia infine il Palazzo dei Provveditori, abitazione dei governatori della fortezza, oggi ospitante una mostra di oggettistica.
Anticamente tutto il paese era circondato da un sistema di mura, abbattute nell'Ottocento, di cui oggi rimangono solo Il Bastione di Sant'Antonio (su cui è poi sorta la fabbrica "Maruzzella") e pochi altri frammenti. La chiesa principale, in via Sinodo, è la chiesa di San Martino, risalente al Settecento. In essa erano custoditi anche dei reliquiari con presunti resti di San Vito, patrono cittadino, rubati durante la prima guerra mondiale. Più distante dal centro c'è invece la chiesa della Madonna della Salute.

archimatica trouve(nt) cette note utile

Photo Information
Viewed: 2638
Points: 6
Discussions
  • None
Additional Photos by Renzo Pietribiasi (rossofuoco) Gold Star Critiquer/Gold Star Workshop Editor/Gold Note Writer [C: 650 W: 59 N: 973] (7398)
View More Pictures
explore TREKEARTH